Blog
21 settembre 2016 by SEO & Marketing

Le keyword sono importanti?

Ti rispondo subito: le keyword sono importanti, fondamentali ma non rappresentano l’unico fattore di posizionamento. Tuttavia, sono decisive per aprirti le porte del regno di Big G. E sai perché? Permettono ai tuoi contenuti di essere trovati nei risultati organici della SERP.

L’uso delle parole chiave, attraverso una buona attività di SEO on-page, permette al motore di ricerca di capire il significato del tuo articolo e di migliorare le prestazioni del tuo sito web o blog.

Hai indovinato, vero? In questo articolo voglio farti capire perché le keyword sono importanti.

Che cosa sono le keyword

Le keyword sono quelle parole che digiti nella barra di ricerca di Google quando hai bisogno di trovare un contenuto che ti interessa, vuoi risolvere un problema o acquistare un prodotto/servizio. Detto in altre parole, servono per definire un campo di indagine specifico.

Fai attenzione: una parola chiave troppo generica non basterà a scalare la SERP. Se vuoi indicizzare uno studio dentistico con la parola “denti” stai pur certo che non lo ritroverai nella prima pagina dei motori di ricerca. Questa key è inflazionata, probabilmente non sarà utile ai fini dell’attività commerciale.

Devi puntare sulla particolarità, mettere dei limiti alla tua analisi, ma senza perdere di vista la keyword principale. Ad esempio: “denti cariati”. Questa frase chiave è il primo passo per restringere l’esplorazione, intercettare un’esigenza definita e spingere il tuo sito verso un buon posizionamento SEO.

A questo punto, è utile accennare al concetto di long tail keyword o keyword a coda lunga. Sono parole chiave composte da quattro o più termini, ad esempio: “denti cariati rimedi naturali”.

Arrivo nocciolo della situazione: per ottenere il successo in termini di business è importante rintracciare le frasi chiave ad alto potenziale (volume di traffico): con bassa concorrenza ma che hanno maturato un certo interesse nel tempo.

Come trovare le parole chiave?

Prima di utilizzare i diversi tool osserva la SERP, rifletti, prova a capire come le persone chiamano le cose nelle prime pagine di Google.

D’altro canto, nessuno strumento al mondo è potente come il cervello. Adesso, individua la parola chiave utile che abbraccia una determinata macro area e usa gli strumenti messi a disposizione dal motore di ricerca più famoso del mondo. Il primo?

Google Keyword Planner : è il programma per trovare le keyword di Big G. funziona così: scrivi la keyword in “Cerca nuove idee per parole chiave”. Pochi minuti e sarai indirizzato verso la schermata con le idee per gruppi di annunci.

Clicca su “idee” e compariranno tutte le parole correlate a quella inserita in ingresso. Con questo tool puoi selezionare la chiave più rilevante per i volumi di ricerca e legata al segmento di mercato che preferisci.

Completamento automatico: quando vuoi trovare qualcosa su Google nel box ti appaiono delle frasi o parole, hai notato? Si tratta delle query più ricercate dagli utenti sul motore di ricerca intorno a un determinato argomento. Questo servizio può essere un buon punto di partenza per ragionare sulle keyword che ti servono per il tuo progetto.

Ricerche correlate: sono quelle frasi che si trovano in basso nelle pagine di Google dopo i risultati della SERP. Sono utili per comprendere il trend di ricerca degli utenti. Ma non solo. Ti danno altre parole chiave e anche idee per contenuti che possano rispondere con precisione ai bisogni degli utenti.

Google Trends: ti permette di osservare lo sviluppo dei volumi di ricerca per parole chiave. Con i diagrammi messi a disposizione da questa soluzione, puoi studiare le preferenze delle persone e metterle a confronto.

Ci sono anche altri tool al di fuori del mondo Google per ricercare parole chiave. Alcuni sono a pagamento, altri gratis. Te ne segnalo tre:

Ubersuggest: questo tool gratuito si ispira a Google Suggest ma offre delle funzionalità aggiuntive. Una volta che hai digitato la keyword di partenza, il programma rintraccia un elenco di suggerimenti in ordine alfabetico. In questo modo puoi valutare le combinazioni utili al progetto web.

SemRush: si tratta di uno strumento a pagamento che ti indica il posizionamento del tuo sito suoi motori di ricerca, quello dei concorrenti, e in più ti aiuta a selezionare le keyword. Inoltre, ti informa dei volumi di ricerca, competition score, tendenza mensile e molto altro ancora.

Merlinox: questa soluzione tutta italiana ti consente di analizzare le keyword correlate alla principale. Merlinox funziona sfruttando i dati di Google Suggest. Le informazioni possono essere visualizzate in modo lineare, tabellare o ad albero, mostrando la gracchia della parole chiave a partire dalla principale.

Non hai dimestichezza con questi strumenti? Chiedi a un’agenzia web. Un lavoro svolto da professionisti del settore ti indirizza verso la strada giusta e previene errori difficili da recuperare un domani.

Tipi di Keyword

Ci sono diversi tipi di keyword che devi considerare per il tuo sito web. Soluzioni che, usate con la giusta attenzione, possono migliorare il posizionamento. Ecco le fondamentali che devi tenere presente:

  • Keyword principale: è la chiave intorno a cui ruota la strategia SEO a cominciare dall’ottimizzazione dei contenuti. Questo elemento deve essere pertinente, rilevante e con un volume di ricerca elevato.
  • Keyword secondarie: includono la parola chiave principale ma con altri termini specifici. Tipo: “denti cariati” può diventare “costo denti cariati”.
  • Keyword correlate: queste chiavi di ricerca non comprendono sempre la key principale. Sono pertinenti ma in qualche caso hanno anche una scarsa importanza.

Se vuoi avere dei risultati dal punto di vista dell’ottimizzazione SEO on-page dei contenuti devi usare con abilità queste stringhe di testo, alternando anche con dei sinonimi ponderati per ampliare il campo di ricerca.

Un consiglio: non lasciarti andare alla ripetizione selvaggia e senza senso delle parole chiave all’interno di un articolo. Non servirà a salire in SERP, anzi rischi di venire penalizzato da Google e di rendere il post illeggibile. Quello che fa la differenza non è la quantità ma la qualità delle keyword che devono rispecchiare le esigenze degli individui.

Per approfondire: SEO Copywriting, come scrivere articoli ottimizzati per la SEO

Quindi le keyword sono importanti?

Sì, le keyword sono importanti. Ma ancora più importanti sono i bisogni delle persone che navigano sui motori di ricerca. Se riesci a utilizzare parole chiave che rispondono ai desideri delle persone avrai fatto buon uso di questi elementi.

Utilizzare le keyword solo per accontentare Google, guadagnando qualche posizione non ti porterà a raggiungere obiettivi a lungo termine. Ti farà perdere credibilità agli occhi dei potenziali clienti che non troveranno contenuti di valore.

Ricorda: ci sono diversi fattori che concorrono per ottenere buoni risultati, dai un’occhiata a questo articolo di Moz. La scelta delle parole chiave è solo una parte della strategia. Sei d’accordo? E secondo te perché le keyword sono importanti?

In ogni caso, lavorare sulle parole chiave non è facile, potresti aver bisogno di una consulenza. Rivolgiti a un’agenzia SEO che possa accompagnarti in questo passaggio così importante. Richiedi pure un preventivo e dai una svolta al tuo progetto.

0 Commenti

Agenzia Biquadro

Entra in contatto con la nostra Agenzia Web. Per qualsiasi richiesta vostra richiesta non esitate a contattarci, saremo lieti di aiutarti!

Telefono: 0423 759385
Email: info@biquadroagency.it
Modulo Contatti: Scrivici

Ultimi Lavori

Condividi con i tuoi amici